ricerca del personale

Ricerca del personale: le strategie che vi faranno risparmiare tempo

La selezione e la ricerca del personale sono considerati processi molto impegnativi perché trovare il candidato ideale che rispecchi le esigenze dell’azienda e che possa allo stesso tempo arricchirla con il suo background, richiede impegno, osservazione e soprattutto tempo.  

Come ottimizzare i tempi di ricerca del personale

Abbiamo pensato che scrivere una guida su come ottimizzare i tempi di un processo lungo come quello della ricerca del personale potesse essere d’aiuto a tutte le aziende che intendono trovare nuove risorse e che vogliano farlo nel miglior modo possibile.

L’ottimizzazione di un processo del genere gioverà all’azienda non solo in termini di tempo guadagnato (e quindi anche di soldi!) ma anche dal punto di vista della qualità dei risultati: fare scelte strategiche e usare strumenti più adeguati aiuteranno le HR a trovare risorse che possano essere per l’azienda un valore aggiunto. 

Per diminuire i tempi di ricerca del personale, prima di tutto, andranno snellite o abolite del tutto le procedure obsolete e, forse ancora più importante, andranno riviste le metodologie e gli strumenti che i comparti HR utilizzano nel recruitment.

Suggerimenti per snellire la ricerca del personale

Ecco quindi alcune delle best practices che miglioreranno il processo di selezione e di ricerca del personale e che aiuteranno le HR a gestire in breve tempo un processo di recruitment di qualità:

  1. Delineare il profilo ideale

Il primo passo per condurre una ricerca di candidati idonea alle necessità dell’azienda, è quello di raccogliere tutte le informazioni riguardanti le competenze richieste dai team di destinazione della risorsa, e disegnare così il profilo completo del candidato. Questa operazione servirà poi a poter valutare in modo più critico e veloce le soft skills e hard skills di ogni candidato.

  1. Scrivere annunci efficaci

ricerca del personale 3

Dopo aver chiarito competenze e profilo richiesto, sarà più semplice anche scrivere un annuncio di lavoro adeguato. Per snellire questa fase, sarà bene scrivere annunci che siano il più possibile sintetici, diretti e soprattutto che esplicitino in maniera chiara la posizione ricercata. Questo permetterà di essere contattati da persone realmente interessate al vostro annuncio e a quella determinata posizione: indicare anche il compenso (magari sotto forma di range) determinerà ancora di più il loro interesse.

  1. Pianificare una strategia di social recruiting

Scegliere bene i canali su cui distribuire l’annuncio riuscirà a farvi risparmiare tempo nella ricerca del personale perché in questo modo le richieste che riceverete saranno altamente profilate, come nel caso in cui si usi LinkedIn. Oggi infatti, si gioca tutto sui social e pensare ad una strategia di social recruiting è più che necessario. LinkedIn, come anche Facebook, rappresenta un canale privilegiato per la selezione del personale perché dai profili dei candidati sarà possibile tracciare un primo identikit della persona che potrete poi contattare per un colloquio in azienda. Oltretutto, utilizzando i social network i candidati potranno rispondere direttamente dal loro smartphone in qualsiasi luogo o momento, facendovi guadagnare tempo prezioso.

  1. Pianificare i colloqui di pre-selezione

ricerca del personale 2

Dare più spazio alla preselezione vi aiuterà ad effettuare una prima scrematura dei candidati; pianificare questi colloqui, poi, darà loro la possibilità di prepararsi in maniera adeguata all’appuntamento. Sicuramente sfruttare uno strumento come il video, vi permetterà di valutare in modo diretto e veloce le caratteristiche di un candidato oltre che velocizzare il processo di selezione.

  1. Ripensare al metodo di colloquio

Il colloquio è una delle ultime fasi del processo di ricerca del personale e quindi anche una delle più importanti (oltre che lunghe!). Anche qui, utilizzare il video-colloquio in differita vi permetterà di dimezzare i tempi di valutazione di un candidato ma anche di scegliere profili sulla base di criteri che sarete voi stessi a stabilire a priori; nel caso del video colloquio in differita offerto da Easy Recrue, per esempio, le HR potranno preparare un questionario al quale i candidati risponderanno realizzando un video. Si potranno così raggiungere candidati qualificati anche lontani geograficamente, abbattendo ogni limite fisico alla ricerca del migliore personale.  

New Call-to-action

Se non vi è bastato questo breve elenco di suggerimenti, vi consigliamo di leggere il nostro articolo sulle competenze delle HR per il 2017 che vi aprirà gli occhi su quale sia l’approccio più giusto da adottare nel 2017 per una selezione del personale al passo con l’innovazione. 

Pubblicato da Daniele Matteucci
il 7 aprile 2017

Categoria
Articoli, recruiter, tips

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment