[IT] Collaborative Recruiting
5 settembre 2019 / / recruiting, Articoli

Recruiting Collaborativo: i 7 step fondamentali

Il settore delle risorse umane è una delle le componenti fondamentali di ciascuna realtà organizzativa. Il raggio d’azione delle sue funzioni è molto ampio e oltre alle varie attività che svolge all'interno di un’azienda, si occupa di attivare complesse campagne di recruiting che permettano all'organizzazione di attrarre i migliori candidati.


Perché è importante coinvolgere i manager nella fase di recruiting

L’ufficio HR imposta veri e propri piani strategici per le campagne di recruiting, prevedendo strategie di Employer Branding, oltre che di People Experience. È infatti merito di un ottimo team di risorse umane se l’azienda può contare su un collaboratore non solo competente, ma che può dimostrarsi un vero talento che aspetta l’opportunità di emergere attraverso l'incarico affidatogli e alla formazione a lui dedicata.

Le organizzazioni, quando selezionano nuovo personale, investono sulle risorse con la speranza che incarnino quelli che sono i valori e gli obiettivi organizzativi, per entrare a far parte di un’unione tanto forte quanto di successo. In quest’ottica di perseguimento dei valori e degli obiettivi aziendali, è necessario coinvolgere nella fase di recruiting, anche la figura del manager.

I manager vengono coinvolti sempre più nei processi di selezione questa collaborazione ha un unico obiettivo: assumere i profili migliori. E' dunque molto importante riuscire a coinvolgerli fin da subito nel processo di selezione in quanto in questo modo alla figura professionale del recruiter si va ad unire la competenza del manager con obiettivi concreti, che siano a conoscenza di esigenze aziendali specifiche. Un binomio che rappresenta quindi la perfetta combinazione di quelle competenze proprie dell’HR e il know-how più tecnico del manager, che unisca una visione d’insieme a delle competenze più operative.

Come rendere questa collaborazione efficace?

Il 78% dei manager dichiarano di essere coinvolti nel processo di selezione (Fonte: collaborazione nel recruitingStudio BearingPoint). Ma sono preparati? Seguiti?

Qui è importante che il recruiter intervenga e aiuti il manager a capire che la candidate experience deve essere curata poiché il 22% dei candidati che ha riscontrato un’esperienza negativa con un’azienda non consiglierà al proprio network di candidarsi presso la stessa (Fonte: La Super Agence).

Un errore nel processo di selezione può costare caro, quindi non può essere preso alla leggera e questo è ben evidente agli occhi dei recruiter ma spesso meno scontato per i manager.

La chiave per una selezione di successo può essere giocare d'anticipo. Per questo è bene delineare mansioni e condividere best practice, e prepararsi con i giusti strumenti di modo da trarre il massimo da questa collaborazione e renderla efficace. Una pianificazione diventa necessaria sia per essere certi di rispettare le tempistiche definite, sia per responsabilizzare i manager e fornire loro una visione chiara e precisa delle loro mansioni nel processo di selezione.

I 7 step fondamentali per un recruiting collaborativo

Il processo di collaborazione tra recruiter e manager può essere analizzato e suddiviso in diversi step. Ciascuno di essi è fondamentale per poter condurre una proficua cooperazione. 

  • Definire le necessità: è necessario innanzitutto definire le nuove esigenze di selezione di ogni dipartimento;
  • Strutturare il processo: prima di pubblicare l'annuncio di lavoro, è bene pianificare il processo di selezione, sia per essere certi di rispettare le tempistiche definite, sia per responsabilizzare i manager e fornire loro una visione chiara e precisa delle loro mansioni nel processo di selezione;pianificazione della collaborazione
  • Definire i ruoli: bisogna definire chi sarà coinvolto nella selezione e attribuire ruoli specifici;
  • Ripensare al sourcing: capire chi coinvolgere e su quali canali condividere annunci e offerte di lavoro;
  • Valutare un profilo video: se si ha optato per la preselezione tramite video-colloquio, utilizzare delle Best Practice per guidare i manager alla valutazione;
  • Preparare il colloquio: oltre che a prepararsi sulle domande da fare o da non fare e come porle, per valutare in modo obiettivo i candidati utilizzare una griglia di valutazione (ossia una balanced score card) che riprende le competenze attese e include una scala di valutazione per ciascuno dei criteri;
  • Assistere l'inserimento in azienda: È indispensabile fornire al candidato tutte le chiavi necessarie per il suo inserimento in azienda. Coinvolgere i manager e chiedere loro di avere cura dell’accoglienza del nuovo collaboratore.

Easyrecrue ti propone un vero e proprio kit del manager-recruiter nel nuovo eBook dal titolo "Recruiting Collaborativo: come coinvolgere i manager nel processo di selezione", dove si affrontano in modo dettagliato tutte le tappe fondamentali per ottenere un efficiente recruitment collaborativo, fornendoti tutta una serie di best practice e modelli che potrete utilizzare per guidare i manager durante il processo di selezione

Scarica eBook

Pubblicato da Gabriella Di Gangi
il 5 settembre 2019

Categoria
recruiting, Articoli

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori