incontro di lavoro
13 dicembre 2019 / / Articoli, recruiter, candidati

Le 7 skill più importanti per le Risorse Umane

Le competenze che si maturano nel settore HR sono molto varie. L'esperto di risorse umane è infatti una figura polivalente che deve avere una formazione specializzata e un bagaglio di abilità che spaziano in più ambiti, che possono essere acquisiti pienamente con anni di esperienza e di lavoro, Il suo è un ruolo molto importante di responsabilità che si inserisce in un determinato quadro aziendale, ma soprattutto strategico ed è per questo che si muove secondo obiettivi ben precisi.

Le principali mansioni di un esperto delle Risorse Umane

uomo d'affari che fa più cose contemporaneamenteCosa fa nello specifico un esperto di risorse umane? Di solito potremmo dire che un recruiter si occupa di:

  • programmare le necessità aziendali in termini di personale, analizzando i flussi in ingresso, in uscita e di mobilità interna (vedi precedente articolo sul ROI nel recruitment);
  • individuare i profili professionali per le posizioni da assumere definendo quali sono le competenze necessarie per tali posizioni;
  • cercare e selezionare il personale;
  • valutare il personale, per individuare percorsi di formazione o di crescita professionale.

Da questo quadro riassuntivo emerge che le skill che caratterizzano le risorse umane sono molteplici. L'esperto delle risorse umane deve conoscere a fondo il funzionamento dell'organizzazione aziendale, gli orientamenti strategici dell'impresa e gli obiettivi di crescita.

Oltre a quelle che sono competenze tecniche, per gestire la selezione del personale, occorre avere anche determinate soft skills: la capacità di ascolto, l'empatia, l'abilità nel problem-setting e nel problem-solving e tutte quelle caratteristiche che concorrono a mettere in atto una comunicazione efficace. Non dimentichiamo poi la necessità di parlare correttamente almeno una lingua straniera e la capacità di utilizzare le tecnologie informatiche, utili ad organizzare il lavoro in modo efficace.

Scarica l'eBook per avere maggiori informazioni sulle soft skills.

eBook - soft skills

 

Quali sono le skill più importanti delle risorse umane?

soft skillsAbbiamo visto, a grandi linee alcune delle competenze che caratterizzano il lavoro di un recruiter. Ora andiamo a vedere più nel dettaglio le skill più importanti che non possono mancare ad un esperto di risorse umane.

La responsabilità più grande dell’ufficio HR è quella di mantenere la coesione, la collaborazione e il buon senso nell’ambiente di lavoro, per far sì che tutti vadano d’accordo e siano concentrati nel far progredire insieme l’azienda. Per fare questo, oltre alle capacità di gestione e di organizzazione, gestire le persone richiede abilità uniche proprie di questa attività.

Abbiamo quindi individuato 7 skill che caratterizzano un esperto di risorse umane:

  1. Comunicare efficacemente:

    Sapere come comunicare un messaggio è importante tanto quanto saper quale messaggio trasmettere, per evitare fraintendimenti. Quasi ogni attività che svolge un esperto di risorse umane, infatti, richiede una chiara, concisa ed efficace comunicazione. Per fare solo qualche esempio in cui è essenziale: stesura degli annunci di lavoro, mediazione fra dipendenti, ma anche per mantenere alto il morale o più genericamente nelle comunicazioni interne. La capacità di ascolto è una parte fondamentale della comunicazione perchè aiuta a comprendere e individuare i punti fondamentali di una conversazione, ponendo le giuste domande al momento giusto per capire l'interlocutore, ovvero chi si ha di fronte analizzando oltre a ciò che dice anche le sue reazioni e il suo linguaggio non verbale;
  2. Avere capacità di negoziazione:

    Discutere e gestire una trattativa per arrivare ad un accordo comune che soddisfi entrambe le parti. Come per esempio nella fase di selezione per accordarsi su stipendi e benefit, ma anche trattando con enti esterni come sindacati, riuscendo a conquistare fiducia tra le varie parti e trovando una soluzione accettabile per tutti;
  3. Problem solving:

    Una delle capacità necessarie è sicuramente quella di capire quali sono i punti di forza o di debolezza in una determinata situazione e in caso provare approcci alternativi per risolvere un problema. Quindi individuare soluzioni concrete per soddisfare le esigenze aziendali;
  4. Essere multitasking:

    Chi svolge questa professione ha a che fare con tantissime attività diverse: risolvere i problemi dei dipendenti, svolgere attività di recruiting, pianificare e condurre riunioni, e la lista non si esaurisce qui. Molte posizioni di management si concentrano principalmente su una attività o un segmento del business, mentre i professionisti HR sono coinvolti, in un modo o in un altro, in ogni aspetto del business.
  5. pianificazioneCapacità di pianificazione e organizzazione:

    Il dipartimento HR richiede capacità d’organizzazione e pianificazione superiori a qualsiasi altro, vista la mole degli impegni e di appuntamenti anche nei confronti di candidati. Inoltre, ci si aspetta che un addetto HR sia capace di monitorare il progresso delle attività e di valutarne l’esito. Esistono strumenti di pianificazione che possono aiutare in tal senso ad agevolare il lavoro del recruiter.
  6. Capacità interpersonali e di lavorare in team:

    Un'altra caratteristica fondamentale per chi lavora nelle Risorse Umane è sicuramente di riuscire a gestire le relazioni interpersonali con cortesia, diplomazia, comprensione, rimanendo nei confini etici aziendali, e di riuscire inoltre a sviluppare e mantenere un rapporto efficace con tutti i membri dell'azienda. Il professionista delle risorse umane dovrebbe oltretutto tutelare le differenze all’interno dell’organizzazione, che siano di carattere culturale, etnico, di genere o di altra natura.
  7. Pensare fuori dagli schemi:

    Gli addetti HR hanno la capacità di affrontare le sfide in modo innovativo. Ci sono casi in cui gli approcci convenzionali potrebbero non risolvere un problema. In questi casi, dovrebbero essere capaci di attingere alla loro immaginazione per sviluppare nuove soluzioni. Al di là delle basi, dei principi e dell’etica della loro professione, gli addetti HR non sono, o non dovrebbero essere, eccessivamente rigidi. Pensare fuori dagli schemi risulta utile quando un approccio tradizionale può essere inadatto alla situazione, può quindi far trovare una soluzione alternativa.

L'esperto di risorse umane deve avere alle spalle una formazione specifica, per svolgere le attività richieste è necessario avere un'istruzione universitaria presso facoltà con materie di indirizzo socio-psicologico. Sicuramente portano valore corsi di specializzazione post-laurea come ad esempio master in risorse umane.

Oltre ad una formazione specifica molte delle soft skills di cui abbiamo parlato, che concorrono a creare un vero esperto nelle risorse umane, si acquisiscono nel tempo lavorando e facendo esperienza nel settore. 

Scopri gli strumenti digitali della Talent Experience Platform che possono aiutare ad accelerare tutte le attività a basso valore, sia nella pianificazione della selezione del personale che nelle fasi di prescreening, permettendo alle risorse umane di svolgere al meglio le proprie masioni.

Scopri di più!

 

Pubblicato da Chiara Menghi
il 13 dicembre 2019

Categoria
Articoli, recruiter, candidati

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment