Sviluppo di un Brainstorming grafico

Il Recruiting come Strategia di Employer Branding

Il settore delle Human Resource, per stare al passo con i tempi, sta rinnovando le modalità di selezione e di ricerca del personale. E si parla non solo del processo che porta all'assunzione dei dipendenti, ma anche del lavoro che i recruiter devono fare a monte, prima ancora di iniziare a cercare i candidati. Qui interviene il concetto di Employer Branding.

Strategia di Employer Branding: come favorirla con una buona selezione del personale

Spesso si tende a semplificare il concetto di Employer Branding, riducendolo ad un insieme di azioni finalizzate ad attrarre le persone di talento in cerca di lavoro. In verità questa definizione risulta alquanto riduttiva, visto che di fatto si concentra solo sul termine “employer”.

Per strategia di Employer Branding si intende l'attività di marketing messa in atto al fine di valorizzare una marca, un brand, associandoli ai valori dell'azienda. Lo scopo è quello di mettere in risalto sia il marchio che il luogo di lavoro. Destinatari di questa strategia sono quindi sia i consumatori che le persone in cerca di un impiego. Per studiare un messaggio coerente e privo di contraddizioni serve una collaborazione tra le divisioni marketing, risorse umane e comunicazione, presenti in azienda.

Registrazione all'evento del 19 settembre

Come una buona strategia di Employer Branding attrae i talenti

Il successo di un'azienda si mantiene grazie all'assunzione di persone professionali, in gamba e realmente competenti. Il segreto per attrarre questi talenti sarebbe quello di mettere in atto una buona strategia di Employer Branding che distingua l'azienda dalle altre portando le persone a desiderare di lavorare al suo interno.

A parità di stipendio o di condizioni lavorative, i candidati preferiranno lavorare per l'azienda che ritengono più prestigiosa, ma dobbiamo considerare la questione anche da un altro punto di vista. Negli ultimi anni le imprese hanno modificato i loro processi di selezione del personale, integrandoli a percorsi di crescita e di formazione. Per l'attività di recruitment l'Employer Branding si è rivelato uno strumento efficace, perché l'assunzione di talenti porta all'aumento della produttività aziendale e la rende più competitiva. Il lavoro dei recruiter in questo modo diventa sempre più fondamentale, specialmente in questo periodo storico di grande concorrenza aziendale.

Quindi se è vero che mettere in atto una buona strategia di Employer Branding può aiutare i recruiter nel loro lavoro è vero anche che i recruiter, svolgendo al meglio la selezione del personale possono supportare l'Employer Branding.

L'azienda come luogo di lavoro ideale

strategia employer branding easyrecrue

Non si tratta di vendere un sogno, ma di raccontare la storia di un marchio, di un'azienda, facendo sì che i suoi prodotti siano conosciuti e apprezzati dal pubblico e che il suo nome venga associato a concetti come professionalità, qualità, prestigio. In questo contesto è ovvio che una parte la giocano anche i dipendenti dell'azienda, soddisfatti delle proprie condizioni lavorative. Gli impiegati sono parte essenziale dell'immagine dell'azienda. Questo è un concetto che ormai è condiviso dai più, al punto tale che in molte società si è già pensato di creare percorsi di carriera più trasparenti e si è anche pensato di introdurre un'organizzazione del lavoro flessibile, in modo tale da poter venire incontro alle esigenze dei vari lavoratori.

Il rapporto tra datore di lavoro e impiegato può trarre vantaggio dalla reciproca soddisfazione. Le aziende possono impegnarsi per incrementare il senso di identità e di appartenenza dei dipendenti perseguendo una strategia di fidelizzazione: si può quindi rafforzare il brand istituzionale (corporate identity) e anche la realtà percepita come luogo di lavoro, attraverso visione e valori condivisi. I dipendenti fidelizzati, che hanno cioè acquisito e fatto propri i valori dell'azienda condividendoli appieno, saranno quindi lo specchio di questa situazione anche all'esterno del luogo di lavoro.

Questo cambio di prospettiva, che passa attraverso l’ascolto e il dialogo con i propri dipendenti, porta l'azienda Riunione di lavoro a conoscere il suo valore percepito internamente che, di conseguenza, si riflette verso l'esterno. Per questo motivo diventa sempre più importante parlare di Employee Experience e quindi trovare delle strategie che possano migliorare il modo di prendersi cura dei propri dipendenti e dell’esperienza che essi vivono, di modo che dall'altra parte i collaboratori siano in grado di sentirsi attivamente coinvolti nel cambiamento e possano essere fonte di ispirazione dello stesso, 

Servizi come quelli proposti da Easyrecrue, come ad esempio il video-colloquio e la valutazione del livello linguistico tramite una certificazione, contribuiscono ad elevare la considerazione del marchio da parte dei candidati durante la fase di selezione, che si troveranno così attratti da un sistema funzionale e moderno. 

Non perdere l'HR Conference del 19 Settembre che sarà incentrata sulla People Experience Design. Per avere maggiori informazioni e poterti iscrivere all'evento Clicca qui.

Pubblicato da Gabriella Di Gangi
il 29 agosto 2019

Categoria
employer branding, recruiting, Articoli

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori