come affrontare un colloquio di lavoro

Come affrontare un colloquio di lavoro: consigli utili

Sapere come affrontare un colloquio di lavoro può essere utile sia a chi si candida per una posizione di lavoro sia a chi dovrà condurre il colloquio, ovvero agli addetti alle risorse umane. In questa guida, quindi, abbiamo pensato di riassumere alcune best practices che possano aiutare i candidati a prepararsi per il colloquio (e perché no, a superarlo!) e i recruiter ad accogliere e scegliere i migliori candidati.

Come affrontare un colloquio di lavoro se sei un candidato

come affrontare il colloquio di lavoro

L’azienda alla quale hai mandato il tuo cv ti ha ricontattato e ha fissato con te un colloquio conoscitivo? Bene, vuol dire che il tuo profilo è in linea con la posizione da ricoprire in azienda e che questa è disposta a conoscerti per saperne di più sulla tua persona oltre che sulle tue esperienze lavorative. La prima cosa che dovrai fare sarà quindi capire come affrontare un colloquio di lavoro per poterlo superare o comunque sopravvivere a quello che - in effetti - è uno dei momenti salienti della ricerca del lavoro.

Quindi, come affrontare un colloquio di lavoro ed uscirne indenni? Il segreto è prepararsi bene e non solo fisicamente (l’aspetto conta ma non è tutto!) ma su tutto quello che potrà essere usato come argomento di discussione durante il colloquio.

  1. Prima di tutto, infatti, informati sull’azienda e cogli tutte le informazioni più utili che potranno aiutarti a capirne i valori: questo ti aiuterà ad avere una visione più chiara del contesto in cui sei (e delle persone che hai di fronte) oltre che a trasmettere al recruiter il tuo interesse e la tua serietà in merito.
  2. Fatto ciò, approfondisci la posizione per la quale ti sei candidato: ti aiuterà a capire che domande potranno farti i recruiter e a pensare a cosa potresti chiedere tu a loro.
  3. Rileggi il tuo cv, pensa a che domande potrebbero farti ed esercitati bene su quello che potresti dire. Sii pronto a rispondere anche a domande difficili senza perderti d’animo: il segreto è quello di rispondere onestamente e non mentire su esperienze o capacità che non hai acquisito; piuttosto mostrati propositivo nel voler rimediare alle tue mancanze.
  4. Sii sicuro di te: se sei arrivato fin lì è perché l’azienda è interessata al tuo profilo e vuole investire del tempo su di te. Affronta il colloquio rilassato, sicuro di quello che sei e se anche mostrassi un po' di apprensione sarebbe comunque sintomo del tuo interessamento per quel lavoro.

Come affrontare un colloquio di lavoro se sei un recruiter

come affrontare un colloquio di lavoro recruiter

La tua azienda è in cerca di una nuova risorsa da inserire nel suo organico? Bene, è il momento per te di chiamare a raccolta i migliori profili che possano soddisfare le esigenze dell’azienda e che possano portarle valore aggiunto. Chi lavora nel settore HR sa che questo compito non è semplice e che anche i recruiter dovranno capire come affrontare un colloquio di lavoro per poter fare le scelte giuste nella ricerca del personale.

Le prime best practices in tal senso riguardano la fase antecedente ai colloqui perché è qui che il comparto HR mette in pratica le sue strategie per reclutare i profili più inerenti alla posizione da ricoprire e in linea con il contesto aziendale. Ecco qualche consiglio utile a proposito: 

  1. Scrivete dei buoni annunci di lavoro che siano chiari, diretti e concisi: questo servirà ad attirare solo profili in linea con la ricerca e a farvi risparmiare tempo.
  2. Ottimizzate la fase di pre-selezione digitalizzandola: usare il video colloquio in differita, per esempio, vi servirà ad accelerare il processo di rectruiting e a dare spazio anche ad altri candidati per raffinare la ricerca.
  3. Pianificate e gestite i colloqui conoscitivi in modo tale da non stressarvi: agli occhi dei candidati il recruiter rappresenta l’azienda e un atteggiamento nervoso o indisponente dovuto al carico di lavoro (a volte i colloqui sono davvero tanti!) potrebbe indisporre a loro volta candidati ideali e portarli a rifiutare l’incarico.
  4. Conducete il colloquio in modo sereno ma allo stesso tempo non fatevi sfuggire nessun dettaglio: è dalle piccole cose che spesso può uscir fuori un lato del candidato che il cv non potrebbe mai comunicare.

Pronti ad affrontare il colloquio di lavoro con serenità? In bocca al lupo a tutti, ai candidati e ai recruiter! 

New Call-to-action

Pubblicato da Daniele Matteucci
il 28 aprile 2017

Categoria
colloquio, Articoli, candidati

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment