ricerca personale qualificato
9 giugno 2017 / / recruiting, Articoli

Alla ricerca di personale qualificato: da dove partire?

Conoscere tutte le tecniche di selezione del personale serve ad avere un quadro completo di come il comparto HR potrà comportarsi nella delicata fase di recruiting, ma per poter fare una ricerca di personale qualificato, i recruiter dovranno mettere in pratica metodologie e strategie ad hoc per poter scegliere i profili migliori per l’azienda.

Perché la ricerca di personale qualificato è un vantaggio competitivo

Per un’azienda alla ricerca di personale qualificato, sapere che strategie utilizzare sarà molto importante perché un giusto approccio iniziale le permetterà di guadagnare tempo e risorse economiche, oltre che valore in termini di ricchezza di risorse interne.

Un team di persone qualificate, scelte con criterio e dopo un’attenta selezione, infatti, è un team che lavora bene e che permette all’azienda di trarne beneficio economico e di guadagnare un valore aggiunto dato dal background e dalla professionalità dei candidati scelti a comporre il team.

Le persone rappresentano la risorsa più grande per un’azienda che mira ad essere competitiva ed è solo tramite una selezione accurata dei candidati e di un processo di ricerca del personale ben pensato, che si potranno profilare persone qualificate che possano apportare una ventata di innovazione e professionalità alla realtà aziendale.

Ricerca di personale qualificato: quali strategie mettere in atto

ricerca di personale qualificato

Spesso in mezzo al marasma di curriculum che arrivano in azienda, è davvero facile perdere di vista l’obiettivo iniziale della ricerca e ignorare profili qualificati, ed è per questo che abbiamo deciso di suggerirvi alcuni degli approcci più efficaci che possano aiutare le HR a concludere con successo la loro ricerca di personale qualificato.

Gli ingredienti che non dovranno mai mancare nella ricerca di personale qualificato sono:

  • Il tempo
  • Gli strumenti adatti
  • L’analisi e l’attenzione al dettaglio

Più nello specifico questi andranno mescolati con strategia, quindi:

Datevi tempo ma senza perderlo -  Il tempo è denaro, è vero, ma è anche la prima cosa che vi permetterà di fare valutazioni e scelte oculate. Prendetevi il tempo necessario per chiamare tutti i candidati che ritenete opportuni e dividete bene il lavoro in team con gli altri addetti alle HR: per far sì che i tempi non si allunghino troppo, munitevi degli strumenti adatti e pensate a digitalizzare il processo di recruiting per agevolarvi.

Usate i giusti strumenti - Non tutti gli strumenti sono adatti alla selezione di profili qualificati e per questo dovrete valutare bene quali usare, in che modalità e attraverso quali canali. Sicuramente il social recruiting sarà una di quelle strategie che dovrete mettere in conto ma che dovrete sfruttare con molta attenzione: nonostante riesca a darvi facilmente accesso alle informazioni, è una tecnica che può influenzare negativamente le vostre scelte. Come ovviare al problema? Analizzate per bene ogni curriculum, e valutate i candidati in fase di colloquio in maniera dettagliata.

ricerca personale qualificato strumenti

Analizzate e fate attenzione ai particolari – Il primo contatto con il candidato dice molto su di lui ma non tutto quello che vi serve. Dopo aver analizzato per bene il suo curriculum, infatti, sarà bene che gli dedichiate un colloquio in cui studiare il suo modo di porsi, il suo linguaggio, il suo atteggiamento. Per farlo potete avvalervi di molti escamotage ma non dimenticate di focalizzare l’attenzione su valori come la motivazione e la reazione allo stress. Nel primo caso riuscirete a capire quanto effettivamente il candidato sia interessato ad aderire alla vostra causa e quindi quanto valore potrà dare al team e all’azienda; nel secondo caso potrete capire quanto il candidato sia predisposto ad affrontare situazioni difficili e a gestire lo stress presente in qualsiasi tipo di lavoro.

Il video curriculum: la ciliegina sulla torta per un recruiting di qualità

Se c’è uno strumento che riesce a tracciare una linea di congiunzione tra questi tre aspetti, quello è sicuramente il video colloquio in differita. Organizzando i colloqui su una piattaforma digitale in cui potrete visionare i colloqui dei candidati in differita, potrete non solo guadagnare tempo e dedicarlo all’analisi più dettagliata dei candidati, ma potrete mettere in atto il processo di digitalizzazione del recruitment apportando innovazione alla vostra azienda.

Pubblicato da Mickaël Cabrol
il 9 giugno 2017

Categoria
recruiting, Articoli

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment