giovane donna in ufficio con il cappello di babo natale

Caro Babbo Natale vorrei...12 Consigli HR in vista del Natale!

Sappiamo bene che dicembre è il mese più bello e frenetico dell’anno, che porta con sè feste come Natale, capodanno, ma anche resoconti e bilanci di fine anno. In piena frenesia da shopping natalizio, sappiamo quanto ci sia bisogno di un "Babbo Natale" che ci venga in soccorso. Per questo abbiamo pensato di offrirti 12 suggerimenti HR in previsione del nuovo anno, che possano aiutarti in questo periodo a mettere in ordine le idee per ripartire pronti e preparati col nuovo anno. Ci siamo ispirati alle strategie utilizzate dai nostri colleghi, clienti e manager che hanno maggiormente contribuito a rivoluzionare il modo di concepire le risorse umane nel 2019.

1) Pianifica, in vista del prossimo anno

Approvazione dei bilanci, revisioni annuali, party natalizi... la fine dell’anno è sempre piena d’impegni. Ecco perché preparare in anticipo i mesi a venire, come una pianificazione a lungo raggio che includa dei KPI specifici è fondamentale per assicurarsi la produttività e le performance attese. Le festività natalizie possono, e forse dovrebbero, essere utilizzate per iniziare l’anno partendo da zero: riordinando la scrivania, svuotando i cassetti, archiviando e cancellando le vecchie e-mail (che è anche una scelta eco-friendly). Cerca di risolvere quell’ultima questione prima della fine dell’anno, per terminare con la consapevolezza di aver già raggiunto un risultato. In questo modo, inizierai l’anno nuovo in modo più organizzato e produttivo che mai!

Vuoi avere maggiori informazioni su come misurare la performance del tuo recruitment?
Scarica il white paper sui KPI.

scarica ilwhite paper

 

2) Rivedi la tua strategia di recruiting

Sebbene questo suggerimento possa essere declinato in diverse modalità ed essere inteso in senso più o meno ampio, l’attenzione dei team di risorse umane è attualmente rivolta all’inbound recruiting. Questa metodologia mira a capovolgere completamente la dinamica del recruitment, facendo leva su contenuti di buona qualità e sulla creazione di un’immagine coinvolgente e dinamica dell’azienda e del reparto HR. Incoraggiare i potenziali candidati a proporsi per una posizione piuttosto che cercarli attivamente è sicuramente più redditizio nel lungo termine, sia per il tuo team che per l’azienda nel suo complesso.

3) Definisci il budget per il nuovo anno

A livello pratico, si tratta di programmare incontri fondamentali per discutere di ROI, budget e prospettive aziendali, oltre che di impiego di risorse finanziarie. Tuttavia, a livello di valutazione preliminare, comporta anche un’analisi critica delle performance personali e del team HR su base annuale, come pure proiezioni, previsioni e assegnazione di priorità in funzione della redditività e della strategia futura. A tal proposito, nell'articolo precedente viene delineato nel dettaglio questo processo: 6 step per misurare il ROI nel recruiting.

tablet4) Aggiorna il tuo software HR

L’anno appena trascorso è stato particolarmente impegnativo per noi di Easyrecrue, abbiamo rinnovato tutto quello che ci caratterizza. Come esperti di software HR, abbiamo analizzato le esigenze di mercato, fino all'elaborazione di un’offerta per la nostra clientela che rispondesse alle crescenti esigenze di versatilità. Da qui la nascita della nostra nuova suite, che include caratteristiche personalizzabili e offre una soluzione completa per il miglioramento della performance e dell’efficienza del processo di recruitment grazie a 3 moduli principali: ENGAGE, INTERVIEW e ASSESS. Ciascun segmento offre strumenti innovativi e un controllo unico delle diverse aree HR e delle fasi del recruiting funnel.

5) Interagisci con i tuoi potenziali candidati 

Nel 2019, abbiamo preso in esame i dipartimenti di risorse umane di aziende più o meno grandi e appartenenti a settori differenti, e il personale che compone questo fondamentale dipartimento aziendale. Nello specifico, abbiamo rivolto la nostra attenzione a ciò che un software per le risorse umane dovrebbe offrire per migliorare l'efficienza e rendere il lavoro dei nostri clienti più semplice, migliore e più produttivo. Abbiamo raggiunto questo obiettivo analizzando tutti gli aspetti del recruitment, a partire proprio dal nome che lo definisce: Risorse umane. Ovviamente, il ruolo primario di un recruiter è quello di garantire l’assunzione, l’evoluzione professionale e la fidelizzazione dei “talenti giusti” all’interno dell’azienda, tutte attività che richiedono una serie di competenze umane altamente specializzate. Tuttavia, molti dei compiti più semplici e ripetitivi dei professionisti HR possono essere automatizzati, con un notevole risparmio di tempo. La nostra chatbot integrata fa proprio questo, automatizzando le risposte ai potenziali candidati. Inoltre, interagisce con loro indirizzandoli verso le offerte di lavoro più pertinenti ed aiutandoli a presentare la propria candidatura per le posizioni aperte, il tutto in modo tempestivo. Non da ultimo, crea automaticamente pool di talenti sulla base delle esigenze dei recruiter e consente loro di concentrarsi quindi sull’aspetto umano, così essenziale in questo lavoro.

6) Accelera il processo di selezione

Il periodo da gennaio ad aprile è il più frenetico per un recruiter: nuovo anno, nuovi budget, nuovi KPI e, naturalmente, nuovo personale. In questa ottica, è importante assicurarsi di disporre delle risorse necessarie e di un processo HR ben strutturato in preparazione del nuovo anno. La nostra soluzione INTERVIEW è stata appositamente progettata per rispondere a questa sfida: il video-colloquio in differita permette di risparmiare il 50% del tempo impiegato per la preselezione, mentre la pianificazione automatica dei colloqui evita di sprecare tempo prezioso per contattare telefonicamente i candidati per pianificare un colloquio. Il video-colloquio live permette ai team HR e ai loro candidati di realizzare colloqui in tempo reale tramite un sistema affidabile e ad alte prestazioni, che permette di eliminare i vincoli di mobilità, i problemi di spazio interno e le barriere geografiche.

giovani colleghi che lavorano7) Valuta i tuoi candidati e migliora le competenze linguistiche dei dipendenti

In questo caso, ci riferiamo alla valutazione delle capacità linguistiche dei tuoi candidati. Una valutazione errata delle competenze linguistiche in fase di colloquio crea inevitabili difficoltà nelle dinamiche lavorative durante l’anno. Grazie all’utilizzo della tecnologia video, il nostro test linguistico consente di valutare il livello di espressione e comprensione scritta e orale di candidati e dipendenti in un contesto professionale, quindi per definizione molto più realistico, per aiutarti ad identificare ed verificare eventuali aree di debolezza e difficoltà.

8) Conosci meglio i tuoi collaboratori...

I professionisti delle risorse umane rappresentano un punto di contatto fra i dipendenti, i capi reparto e la dirigenza. Proprio nel periodo festivo, in cui ciascuna funzione aziendale riesamina l’anno passato e definisce i piani per il prossimo, il tuo ruolo potrebbe essere quello di punto di riferimento. In questa ottica, la gratificazione, la realizzazione e, in definitiva, la fidelizzazione del personale è fondamentale per il tuo successo come recruiter. Spesso, ciò comporta una certa abilità nella gestione della relazione con i collaboratori al di fuori del rapporto professionale, per stabilire una fiducia reciproca e sviluppare una forte rete di sostegno.

9) ...per costruire relazioni solide

In aggiunta al punto precedente, la costruzione di relazioni che vadano al di là di un semplice saluto, di uno scambio di battute o di un forzato “come è andato il fine settimana?” sarà sicuramente un vantaggio anche in vista del nuovo anno. Una cosa è avere un rapporto superficiale con i colleghi di lavoro, tutt’altra cosa è costruire con loro una relazione. Scoprire quali sono le passioni dei tuoi collaboratori, prestare attenzione a un problema o persino condividere alcune riflessioni al di fuori del lavoro contribuirà a migliorare le tue relazioni professionali.

lavoratrice stressata10) Tieni d’occhio il burnout, non solo quello dei tuoi colleghi

Il burnout è oggi ufficialmente riconosciuto dall'OCSE come una sindrome legata alla salute mentale. Si tratta di stress protratto che si verifica spesso fra i professionisti HR a causa dell’intensità e dei ritmi lavorativi frenetici connessi al ruolo, in particolare in questo periodo dell’anno. Anche se sembra in contrasto col suggerimento numero 1, assicurati di prenderti del tempo per rigenerarti durante le festività (e una compressa di vitamina D nei mesi più bui non ha mai fatto male a nessuno!).

11) Trova il tuo mentore

Curare i rapporti con i tuoi collaboratori è essenziale, ma non è possibile farlo se non ci si occupa prima di se stessi. Cerca qualcuno nel tuo settore che conosca le sfide e le opportunità nel mercato delle risorse umane: può essere una persona che fa parte o meno dell’azienda, l’importante è che abbia esperienza nello stesso campo o in un campo simile per poter trarre il massimo vantaggio dalle sue competenze. Non avere timore di chiedere indicazioni: l’interessato sarà sicuramente molto lusingato, e, generalmente, un membro senior di un reparto HR sarà ben disposto a darti delle indicazioni su base più o meno regolare. Magari, prevedi di sdebitarti con un pensierino natalizio.

12) Rifletti e fai un’auto-valutazione

Infine, forse il suggerimento natalizio più importante di tutti: ripensa all’anno passato, al contributo che hai dato al tuo team e a ciò che puoi introdurre nel nuovo anno. In particolare, ciò è molto utile se hai intenzione di implementare soluzioni che contribuiscano a rinnovare e guidare il cambiamento dell’intero Dipartimento di risorse umane

Ti auguriamo splendide feste natalizie, e un meritato periodo di relax! Mettiti in contatto con noi se desideri avere più informazioni sulle nostre soluzioni per il 2020.

Scopri di più!

 

 

Pubblicato da Gabriella Di Gangi
il 20 dicembre 2019

Categoria
Articoli, recruiter, candidati

Seguitemi su :

Commenta per primo

La tua email non sarà pubblicata. I campi indicati con * sono obbligatori

Non perderti le ultime novità del mondo delle risorse umane.

I nostri ultimi articoli

I nostri contenuti HR

Individuare le soft skills durante il processo di selezione
Valutare i KPI del processo di selezione e recruiting
Il video-colloquio nel recruitment